Carota e Bastonate


C’è chi dice che salvare la Grecia è una via obbligata per l’Unione Monetaria Europea. Ovvero per i Tedeschi. Perché? Perché se uscisse la Grecia uscirebbero anche Portogallo e Irlanda, forse Spagna e Italia. Questo provocherebbe grossi problemi per la Germania e la Francia (gli unici rimasti) perché l’Euro si apprezzerebbe enormemente trasformando quella che oggi sembra una stagnazione in una recessione sicura. A questo aggiungiamoci il fatto che le banche francesi e tedesche sono molto esposte verso questi paesi. Seguirebbe una ulteriore crisi del sistema bancario europeo e la famosa double dip recession sarebbe inevitabile. C’è chi dice invece, come il signor Stark (dimissionario tettesko membro del Board della BCE), che dovremmo “cacciare” i paesi non virtuosi. Eppure, secondo me, il rischio è un altro. Assumiamo che in realtà il salvataggio della Grecia sia inevitabile e che la Germania stia facendo la voce grossa solo nel tentativo (disperato) di mantenere una minaccia credibile per ottenere le riforme che pretende dalla Grecia. Il problema diventa se la società greca decide di andare a vedere il bluff: i tedeschi pagheranno comunque. Questo attuale governo ha ottenuto una fiducia risicatissima per approvare il piano di austerità imposto da FMI e Europa in cambio degli aiuti (salvataggio). Ora che la Grecia è di nuovo a secco ed ha bisogno di altri soldi dovrà far passare un’altra manovra in termini di tagli e tasse. Quanto potrà durare questo governo? Le piazza greca rischia di prendere fuoco, e l’incendio rischia di propagarsi a tutto il continente. Crediamo che questo sia sfuggito a chi, in Grecia e non, ha scelto l’opposizione frontale ed extra parlamentare? E se l’opinione pubblica cominciasse ad appoggiare l’idea di un deafult? Carota e bastone, questa è la strategia Tedesca. Il problema è che servono montagne di carote per mandare avanti la baracca e per giustificarle si deve compensare tirando bastone. Ma quante botte sarà disposta a riceve la Grecia prima di considerare il default una opzione migliore? Il pericolo, in questo caso, non è che l’Unione Monetaria Europea “cacci” la Grecia, ma piuttosto che la Grecia ci mandi a quel “Paese”. Uscire dall’Euro per la Grecia rappresenta una sconfitta forse nel lungo periodo, ma nel lungo periodo saranno tutti morti. Nel breve periodo invece la sua (nuova) moneta si deprezzerebbe immediatamente, crescerebbe l’inflazione e sarebbe più facile pagare i debiti (ristrutturati) con l’estero. Inoltre le sue merci sarebbero di nuovo competitive e il paese ricomincerebbe a crescere, paradossalmente potrebbero anche trovare più facile ripagare il debito. La Grecia farebbe una scelta: sceglierebbe di non essere più una “provincia tedesca di oltre mare”. Prenderebbe a modello o entrerebbe in competizione con il suo eterno vicino/nemico: la Turchia. Perché restare ancorati ad un gigante che cresce allo 0.2% (con una stima per la Grecia di -5%) quanto il mio vicino cresce all’ 8,2% ? Si avete letto bene. Chi me lo fa fare? Il senso di appartenenza ad una Europa unita, bianca, cristiana e democratica? No. Ragazzi guardiamoci in faccia: non hanno nemmeno l’alfabeto latino. Ho sempre guardato con sospetto, lo ammetto, il fatto che le banconote europee dovessero avere anche le scritte in alfabeto greco. Voglio dire, ma chi sono questi greci per permettersi di avere un alfabeto tutto loro? Fossero almeno in due. No, solo loro ce l’hanno. Mi ha sempre dato un sottile, quasi impercettibile fastidio. C’era qualcosa che non andava con quello strano alfabeto per noi simile ad un geroglifico: che cosa siamo una piccola nazione in via di sviluppo a cavallo tra Oriente e Occidente? Magari.

Advertisements

2 thoughts on “Carota e Bastonate

  1. Ok, ma se va in default nn ha bisogno di ripagare i debiti. La grecia è esposta verso l elstero ma Cmq molte famiglie hanno i loro risparmi in titoli di stato greci, quindi diventerebbero di colpo il 50% piu poveri.
    Ps questo amore fra greci e turchi proprio nn ce lo vedo, considera solo che ancora hanno un isola divisa in due e che la Grecia era fra le nazioni che piu investivano in difesa proprio cm deterrente contro i “nemici” turchi.
    La germania secondo me non ha le idee molto chiare ma sa che indietro dall euro non si può tornare anche per mere ragioni tecniche, sa anche che la Grecia è fallita da almeno un anno…vediamo i prossimi rilanci sul tavolo verde per capire chi dei due sta facendo il bluff piu grande.

    • Sul discorso di andare in default e qunidi non dover ripagare i debiti non è proprio così. Il debito viene ristrutturato, cioè riproposto con termini più favorevoli al debitore. Il famoso “coinvolgimento dei privati” da parte dei governi è proprio questo: convinecere le grandi Istituzioni bancarie ad accettare di subire delle perdite. Sul discorso dei Turchi non ho mai parlato di amore. Ho detto che prenderebbero a modello competitivo la Turchia. E ti faccio notare una cosa: hai detto investiva (al passato) molto in difesa. Il fatto che la Turchia cresca a questi ritmi mentre la Grecia si trova costretta a tagilare (quindi anche la difesa) implica un ulteriore fattore di pressione e di possibile malcontento verso altre sacche della cosietà Greca. I nazionalisti, l’Esercito. Aspettiamo i rilanci, ma il problema è quanto reggeranno i nervi…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s